Avvisi settimanali dal 24 al 31 gennaio 2021

Pubblicato il Pubblicato in Avvisi
  • Oggi è la domenica della Parola di Dio e si conclude la Settimana per l’unità dei cristiani.
  • In questa settimana per la pulizia della chiesa è di turno il 3° gruppo.
  • La nostra diocesi ha chiesto di sospendere per il mese di gennaio le attività formative e di incontro in presenza, quindi anche tutti gli incontri di catechismo. Sono quindi sospesi, purtroppo, anche gli incontri in presenza per gruppi dei genitori della 3° elem. in preparazione alla prima confessione, programmati per martedì 26,  mercoledì 27 e  giovedì 28 genn. D’altra parte, per il particolare metodo di incontro con libera conversazione, il collegamento on line non è adatto. Organizzeremo l’incontro appena possibile.
  • Sabato 30 genn., dopo la messa delle 18.30, incontro generale del Comitato Sagra,

Il Papa ha stabilito che fino all’8 dic. 2021, sia celebrato uno speciale Anno dedicato a san Giuseppe.

Nella lettera apostolica il Papa richiama … l’importanza delle persone comuni, quelle che esercitano ogni giorno pazienza e infondono speranza, proprio come San Giuseppe, “l’uomo che passa inosservato, l’uomo della presenza quotidiana, discreta e nascosta”.  San Giuseppe ha espresso concretamente la sua paternità “nell’aver fatto della sua vita un’offerta di sé nell’amore posto a servizio del Messia. Giuseppe,… chiamato da Dio a servire la missione di Gesù, coopera al grande mistero della Redenzione…  Il carpentiere di Nazaret affronta i problemi concreti della sua Famiglia, come fanno tutte le famiglie del mondo… Custode di Gesù e di Maria, Giuseppe non può non essere custode della Chiesa”.

     “Il mondo ha bisogno di padri, rifiuta i padroni, rifiuta cioè chi vuole usare il possesso dell’altro per riempire il proprio vuoto…. Ogni figlio porta sempre con sé un mistero che può essere rivelato solo con l’aiuto di un padre che rispetta la sua libertà”.

​     Papa Francesco mette in evidenza “la natura di santo…del quotidiano, di San Giuseppe. Quanti padri, madri, nonni e nonne, mostrano ai nostri bambini, con gesti piccoli e quotidiani, come affrontare e attraversare una crisi riadattando abitudini, alzando gli sguardi e stimolando la preghiera….

     Tutti possono trovare in San Giuseppe, …. un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà. San Giuseppe ci ricorda che tutti coloro che stanno apparentemente nascosti… hanno un protagonismo senza pari nella storia della salvezza.  San Giuseppe, “padre nella tenerezza” …e padre nell’obbedienza (perché ascolta la voce di Dio che gli si manifesta in sogno attraverso l’angelo.

     Il lavoro di San Giuseppe ci ricorda che Dio stesso fatto uomo non ha disdegnato di lavorare… Imploriamo San Giuseppe lavoratore perché possiamo trovare strade che ci impegnino a dire: nessun giovane, nessuna persona, nessuna famiglia sia senza lavoro!”.

Per questa occasione si concede l’Indulgenza plenaria anche a quanti compiranno un’opera di misericordia corporale o spirituale o reciteranno il Santo Rosario nelle famiglie e tra fidanzati o a chi affiderà quotidianamente la propria attività alla protezione di San Giuseppe e invocherà la Sua intercessione, affinché chi è in cerca di lavoro possa trovarlo; ai fedeli che reciteranno qualche preghiera a San Giuseppe per i cristiani perseguitati o la reciteranno il 19 di ogni mese e ogni mercoledì, giorno dedicato alla sua memoria. Nell’attuale emergenza sanitaria, l’Indulgenza plenaria è particolarmente estesa agli anziani, ai malati e a tutti quelli che siano impossibilitati ad uscire di casa, i quali reciteranno un atto di pietà in onore di San Giuseppe, offrendo con fiducia a Dio i dolori e i disagi della propria vita.

Preghiera a san Giuseppe 

A te, o San Giuseppe, noi che siamo nella tribolazione, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, dopo quello della tua santissima sposa. Per quel sacro vincolo di carità, che ti strinse all’Immacolata Vergine Maria, Madre di Dio, e per l’amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, guarda, te ne preghiamo, la Chiesa che Gesù Cristo acquistò col suo Sangue, e col tuo potere ed aiuto vieni incontro ai nostri bisogni. Proteggi, o custode della divina Famiglia, la Chiesa di Gesù Cristo: allontana da noi, o Padre amatissimo, gli errori e i vizi, che ammorbano il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita di Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità; e stendi sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché con il tuo esempio e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l’eterna beatitudine in cielo. AMEN.


Se qualche famiglia desidera offrire un contributo per  la nuova chiesa e gli ambienti parrocchiali,  lo può fare utilizzando IBAN:  IT 90 T 05034 59650 000000011378 scrivendo la causale: “donazione volontaria a sostegno della Parrocchia di Balconi”.